Questa mattina, all’ospedale di Vicenza, si è spento Giovanni Guglielmo, ben conosciuto violinista, didatta, studioso, nonché persona di grande spessore intellettuale e squisita umanità.

Voglio ricordarlo e soprattutto ringraziarlo per tutte le esperienze che attraverso di lui hanno segnato profondamente la mia vita, prima come direttore illuminato e grande insegnante del Conservatorio quando ero giovane studente, successivamente come animatore musicale in gruppi strumentali di cui mi chiamò a far parte, poi per le magnifiche avventure discografiche ed editoriali (di cui una recentissima) e infine per l’amicizia con la quale mi ha onorato, ovviamente ricambiata.

Grazie Gianni! Ci mancherai moltissimo.